NASCE: I GRANDI ARTICOLI

 ET NEWS  Commenti disabilitati su NASCE: I GRANDI ARTICOLI
Ago 082017
 

Ancora novità all’interno del nostro sito. Parte oggi una nuova rubrica dedicata ai grandi articoli pubblicati su queste pagine. Si tratta del meglio di quanto è stato pubblicato durante questi anni. Un modo per mettere in evidenza rispetto ai tantissimi articoli pubblicati, quelli che, per estensione, approfondimento, argomento trattato, meritavano una maggiore visibilità. In questo modo potranno essere trovati con maggiore facilità all’interno dell’immensa quantità di informazioni che questo sito raccoglie.

Una pagina molto curata graficamente e di facile consultabilità, che ordina quanto trattato per data mettendo gli articoli più attuali in alto nella pagina e a seguire quelli più vecchi come in un viaggio temporale a ritroso.

Accedere a questa nuova pagina è semplicissimo: puoi farlo in due diversi modi. Il primo è attraverso il menù in alto posto sotto la voce INNOVATION:

Schermata 2017-08-08 alle 11.33.56

il secondo, invece, attraverso il comodo widget posto nelle colonne a destra degli articoli:

Base 30

A questo punto non mi resta che augurarvi buona lettura con i Grandi Articoli selezionati per voi.

Buona lettura a tutti.

prof. Davide Betto

UN ANELLO “LEGGE” PER I CIECHI

 Innovazioni  Commenti disabilitati su UN ANELLO “LEGGE” PER I CIECHI
Ago 212014
 

01 FINGER

Si parla spesso di inclusione, si parla spesso di ausili per i meno fortunati, si parla spesso di tecnologie innovative e risolutive per specifiche problematiche ed ecco che ogni tanto si legge sulla rete di una scoperta, di una innovazione che renderà compiti fino ad oggi impossibili ad alcune categorie, facili o fattibili anche per esse.

Ancora una volta è il prestigioso MIT (Massachusetts Institute of Technology) a tirare fuori dal cilindro un’innovazione tecnologica a favore di una categoria di minorati fisici, i ciechi, capace di rendere la lettura un’esperienza più semplice e soddisfacente rispetto al passato. FingerReader l’anello che è in grado di leggere, altro non è che un lettore ottico portatile capace di registrare ciò che vede e di rileggerlo. Il dispositivo, ancora un prototipo, è stato realizzato con una stampante 3D.

02 FINGER

La videocamera montata sopra il dispositivo, come uno scanner, legge il testo su di un libro o su qualunque altro supporto e un software dedicato lo interpreta e lo codifica come traccia audio pronta per essere letta. Un apposito altoparlante si occupa poi di leggere al non vedente quanto interpretato sul supporto cartaceo. L’unica attenzione da porre da parte dell’utente è quella di scorrere il dito sopra il rigo senza saltarlo. In realtà il software è in grado di comunicare al non vedente di essere sceso di rigo o di averlo saltato, come è in grado pure di avvisarlo quando arriva alla fine del rigo. Una vibrazione lo avverte dell’errore commesso o della fine del rigo in modo che questo possa correggere la posizione della mano. Il dispositivo è in grado di leggere anche libri digitali i cosiddetti e-book.

04 FINGER

Le prospettive che si aprono per circa 300 milioni di non vedenti nel mondo e alcune migliaia solo in Italia sono straordinarie, proprio perché l’anello renderebbe queste persone indipendenti dall’assistenza di un altra persona nello svolgimento di attività quotidiane come la lettura di un menù al ristorante o le bollette di casa. Altro campo in cui questo strumento potrebbe dare risultati eccezionali è a scuola, come ausilio per insegnanti curricolari e di sostegno. Il sistema non punta da subito alla sostituzione del linguaggio braille, ma ad affiancarsi a questo come ulteriore strumento di aiuto agli ipovedenti. Del resto è impensabile che di colpo centinaia di libri scritti in braille possano essere sostituiti e che la diffusione dello strumento possa diventare così capillare. Nonostante il vantaggio del costo di partenza molto basso i problemi da superare sono diversi e dalla fase sperimentale alla produzione di massa passerà ancora del tempo.

03 FINGER

La sperimentazione al M.I.T. è durata 3 anni. Il primo modello di anello per la lettura è stato presentato nel 2011 dal prof. Pattie Maes fondatore del gruppo di ricerca Fluid Interfaces per lo sviluppo di tecnologie indossabili.

Speriamo che presto questa nuova tecnologia possa essere commercializzata e raggiungere la maturità sufficiente affinché l’uso da parte dei minorati di vista allevi loro l’handicap fisico di cui soffrono. E noi ci auguriamo che tanti sforzi e tanto impegno siano dedicati dagli scienziati del mondo nella ricerca e nella sperimentazione di ausili simili.

Video1

Articoli1