Mar 082013
 

Innovazione tecnologica è anche parlare di cose che ad alcuni potrebbero sembrare futili, ma che rappresentano invece lo stato dell’arte della tecnologia in quel campo e prototipo per avveniristiche soluzioni che poi, col tempo, diventano applicazioni standard negli oggetti di uso quotidiano. Qualcuno potrebbe storcere il naso sentendo parlare di Ferrari su educazionetecnica.com; potrebbe sembrare un uscire fuori dai binari, un narrare di cose da rivista sportiva, lontane dagli scopi informativi e didattici del nostro sito. Ma il nuovo gioiello di casa Ferrrari rappresenta, al contrario, un condensato di tecnologie e scelte innovative che la pongono di diritto ad essere rappresentata su queste pagine.

Laferrari_concept

La casa di Maranello, sta presentando al Salone di Ginevra 2013 il suo nuovo gioiello ipercostoso, che prenderà il nome evocativo di “LaFerrari“. Il sito ufficiale, recita infatti le seguenti parole: “…la Casa di Maranello ha sfruttato al massimo la sua capacità di innovare.  La vettura è stata realizzata con l’obiettivo di ottenere una maggiore efficienza aerodinamica, una distribuzione dei pesi ideale, la maggiore riduzione possibile dell’altezza del baricentro e soprattutto una perfetta integrazione del nuovo sistema ibrido, il tutto senza penalizzare abitabilità ed accessibilità mantenendo le dimensioni contenute.

Laferrari_exterior_sketch2

In LaFERRARI, gli ingegneri hanno fatto un lavoro incredibile, condensando in un’auto sola la tecnologia normalmente applicata in due autovetture. In quest’auto convivono un motore termico V12 da 800 CV con un motore elettrico da 120 Kw (163 CV), per una potenza complessiva di oltre 960 CV e un cambio tipo Formula1 a doppia frizione.

Laferrari_exterior_sketch

Sedile e pedaliera, sono completamente regolabili e adattabili alle caratteristiche del guidatore. il sedile è completamente integrato nel telaio dell’autovettura e presenta una posizione inclinata intermedia tra una monoposto di formula 1 e una vettura da strada. Lo sterzo è più piccolo e anch’esso totalmente regolabile alle esigenze del pilota. Il sistema di chiusura ed apertura delle porte, in salita e discesa è facilitato senza compromettere lo spazio a bordo.

La nuova LaFerrari, ha raggiunto grazie agli studi in laboratorio e in galleria del vento nuovi livelli di aerodinamicità con fattore 3 che garantiscono il massimo sfruttamento dei flussi d’aria intorno alla vettura.

L’integrazione di tecnologie da monoposto di formula1 in questa vettura è stata garantita dalla sinergia nella progettazione tra tecnici del settore corse con il team preposto alla creazione della LaFerrari.

Solo 499 esemplari di questo nuovo gioiello tecnologico (già tutti venduti) saranno prodotti per un mercato d’elite. Tre i colori scelti per queste autovetture: rosso corsa, giallo modena e nero.

LaFerrari_colori

Infine, e cosa non da poco, il sito di Bloomberg Businessweek ha rivelato che il presidente della Ferrari, Luca Cordero Di Montezemolo è in trattative con Apple per una ampia collaborazione per i servizi di intrattenimento in-car.

GALLERIA IMMAGINI:
GUARDA I VIDEO:
PUOI LEGGERE ANCHE:
Nov 202012
 

Quante volte ci siamo trovati nei guai perché abbiamo forato uno pneumatico? “Dov’è il crick? Come faccio ora a cambiare la gomma? Avrei fatto bene a restare a casa oggi“. Queste alcune delle frasi che ognuno di noi almeno una volta ha pronunciato quando si è trovato in questa situazione. Ma pare che tra poco tutto ciò sarà un ricordo. Dal Giappone e in particolare dalla multinazionale degli pneumatici Bridgestone, si sta lavorando ad AirFree, un concept del “non-pneumatico” che dovrebbe risolvere i problemi delle gomme sgonfie.

In pratica si tratta di un’ingegnosa struttura a raggi, capace di sostenere il peso dell’autovettura e delle sollecitazioni durante la corsa, ricoperta di un particolare tipo di gomma come battistrada. Lo scopo di questo progetto, però è molto più ambizioso. Infatti, l’intero insieme di elementi che costituiscono l’AirFree sono al 100% eco, nel senso che tutti i componenti sono totalmente riciclabili. Sia l’acciaio, che la gomma che la plastica usata per i cerchioni sono totalmente riutilizzabili. AirFree, potrebbe vedere la luce già nel 2015 e sostituire piano piano i vecchi e inquinanti pneumatici. La cosa che rende inoltre questi unici gli AirFree, è che i copriruota in plastica sono stampabili, per cui chiunque potrà far stampare sul fianco delle proprie ruote l’immagine che vuole e cambiarla a proprio piacimento ogni qual volta lo desidera, ovviamente dal gommista.

Infine, dei sensori sistemati sotto lo pneumatico, trasmetteranno al conducente tutte le informazioni sul percorso per rendere l’esperienza di guida serena e sicura. Tali sensori, inoltre, trasmetteranno queste informazioni agli altri veicoli vicini in modo da realizzare una rete di sicurezza della guida.

[youtube //www.youtube.com/watch?v=qQAOEkscBMs&w=480&h=360&rel=0]

Ott 202012
 

Quest’articolo nasce dalla convinzione che stimolare i giovani alla creatività, all’impegno, all’inventiva, produce i suoi frutti. E dalla lettura su internet di questa incredibile notizia, trovo ancor di più conferma a questa tesi. Se il ragazzo è veramente motivato al raggiungimento di un obiettivo, lo raggiungerà qualunque sia la sfida da affrontare e molte volte riuscirà anche a superarlo. La scuola ha l’obbligo morale e culturale di favorire questi processi, pur rimanendo nei binari dei percorsi stabiliti, innovandosi e cercando di essere, compatibilmente con i mezzi (sempre più scarsi), foriera di idee, proposte e indirizzi.

Vi invito per cui alla lettura di questa storia che, per il modo in cui si è svolta, rappresenta proprio il sogno americano e l’idea per cui “volere è potere”.

Juan Ehringer era uno studente americano come tanti altri negli Stati Uniti, ma mosso da una grande passione per l’ingegneria e l’amore per le auto e non disponendo di grosse somme di denaro, è riuscito a trasformare un sogno in realtà. Egli, infatti, ha convertito in auto elettrica una roadster sportiva come la Honda S 2000.

Grazie alle sue conoscenze, egli ha acquistato la macchina e non potendo permettersi i costi del carburante, ha deciso di trasformarla in auto elettrica. Ha così sostituito il motore e il serbatoio inserendo un sistema di batterie elettriche oltre ovviamente ad altri elementi tecnici molto più complessi e inutili da descrivere in questa sede. E’ riuscito nell’intento e ha realizzato un’auto a impatto e consumo zero con la potenza di circa 600 Cv. Il suo obiettivo era la realizzazione di un’auto che non fosse la solita berlina da studente sfigato, ma un’auto sportiva, elegante e veloce, ma con i consumi ridotti dato che non disponeva di grossi capitali. Ovviamente la limitatezza delle risorse economiche gli ha impedito di realizzare il suo progetto in breve tempo, ma lui non si è dato per vinto e ha proseguito nel suo intento fino a riuscirvi. Ha convinto i genitori a cofinanziare il progetto e così ha potuto permettersi il motore, le batterie e il regolatore. Lui avrebbe dovuto però acquistare l’auto. Lavorando part-time in un negozio d’auto per due anni ha raccolto il gruzzolo per poter acquistare un’auto sportiva e così ha fatto con la Honda S 2000 del 2003 per la cifra di circa 6000$. Sotto la carrozzeria ha installato il pacco di batterie da 26kWh raggiungendo una potenza di circa 512 Cv e un’autonomia compresa tra gli 80 e i 120 km. L’opera è stata possibile attraverso l’acquisto su internet di tutti gli altri componenti necessari.

Un incredibile lavoro, frutto della passione, della volontà e della grande intelligenza di Juan.

Ago 062012
 

Il problema si sa che per le auto elettriche, le uniche a emissioni zero, è quello della durata delle batterie. Infatti, la scarsa autonomia raggiunta da questo tipo di autoveicolo rappresenta di fatto il vero è proprio collo di bottiglia alla loro capillare diffusione, più del problema delle torrette di ricarica. Uno studio recentissimo, pubblicato dalla rivista Nature Chemistry, fa ben sperare per il prossimo e imminente futuro. Infatti, un gruppo di ricercatori internazionali, coordinati dall’università La Sapienza di Roma, è giunta ad un incredibile risultato sperimentando un nuovo tipo di batteria che utilizza il litio, metallo leggero con l’ossigeno, gas presente in natura in quantità pressoché infinite. Lo studio di una batteria litio-aria, non è nuovo, da tempo infatti, diversi centri di ricerca e studiosi mondiali hanno tentato di trovare la chiave di volta per le batterie del futuro. Il problema che fino ad oggi ha impedito il loro sviluppo era la reversibilità, ossia la possibilità di ricaricarle un numero di volte sufficiente. Il gruppo di studiosi, guidati dai professori Bruno Scrosati e Jusef Hassoun del dipartimento di chimica de La Sapienza, in collaborazione con la Hanyang University di Seoul in Corea, pare sia riuscito a superare questo problema e a trovare una configurazione innovativa della batteria che consentirebbe, ad oggi, un operazione di reversibilità per oltre 100 cicli di ricarica. Il vantaggio della combinazione litio-ossigeno è evidente, sia dal punto di vista ambientale che tecnico. Infatti, consentirebbe un allungamento notevole della durata delle batterie che dovrebbero alimentare le auto del futuro.

Il professor Bruno Scrosati, intervistato, ha spiegato le motivazioni che fanno gridare al miracolo per questa scoperta: “L’innovazione, risiede nella scelta di un materiale elettrolitico che ne consente la ciclazione prolungata e nella morfologia dell’elettrodo positivo che regola il flusso diffusivo dell’ossigeno nella cella”.

Confronto tra batterie a ioni di litio e le nuove litio-ossigeno

Uno dei grossi problemi manifestati da questo tipo di batterie, finora era stato l’alto grado di instabilità dal punto di vista chimico. Durante il funzionamento, infatti, si manifestavano delle reazioni collaterali a danno dell’elettrolita che di fatto ne riducevano di parecchio la durata durante i cicli di carico-scarico. Ricercatori britannici, guidati da Zhangquan Peng, sono riusciti a risolvere questo problema utilizzando come elettrolita, un liquido costituito essenzialmente da ioni. Inoltre, hanno ottimizzato anche il modo in cui l’ossigeno entra nella batteria e si combina con il litio utilizzando un elettrodo d’oro con microscopici nanopori al posto del tradizionale elettrodo poroso in carbonio.

La batteria litio-aria rappresenta un enorme passo in avanti nella risoluzione dei problemi energetici che attanagliano il nostro pianeta e apre scenari nuovi a sviluppi e prodotti. Essa rappresenta una grande evoluzione rispetto alle normali batterie litio-ione sia dal punto di vista prestazionale che dal punto di vista ambientale.

Giu 122012
 

Abbiamo parlato spesso su queste pagine e a scuola di risparmio energetico, di rispetto dell’ambiente e quindi mi pareva interessante parlare di questo progetto del MIT di Boston, realizzato da un consorzio di aziende tutto europeo, di cui ho letto su di una rivista scientifica. Sto parlando di HIRIKO nome che ricorda il Sol Levante ma che in realtà in spagnolo significa “centro urbano”. Si tratta di una piccola city car, grande come una Smart che, però, nel momento di dover parcheggiare, si piega riducendo le proprie dimensioni di circa il 30% facilitando in questo modo la sosta. La Hiriko, inoltre, è completamente elettrica e fornisce un’autonomia di 150km a emissioni zero. E’ dotata di un volante ultra-tecnologico come quello delle formula 1 in grado di gestire tutte le fasi di funzionamento attraverso un sistema drive-by-wire. Ha, inoltre, un sistema di 4 ruote robotizzate in grado di ruotare ognuna di 360° e ogni ruota può essere controllata autonomamente consentendo all’auto di girare su se stessa. Un sistema di controllo elettronico consente all’auto di piegarsi su se stessa nel momento di dover parcheggiare avendo un ingombro complessivo di circa 1,50m, manovra consentita dalla posizione centrale del motore elettrico.

A Bruxelles, il presidente della Commissione Europea, Barroso, ha illustrato il progetto e lo ha definito un esempio di innovazione sociale europea. Infatti, le città o gli stati che decideranno di adottare l’auto, saranno autorizzati dal MIT e dalla Comunità Europea a costruire in loco la vettura creando nuovi posti di lavoro. Barroso l’ha inoltre definita una risposta alla crisi e molte città non solo europee hanno deciso di adottarla da subito, per esempio in tratte tra gli aeroporti e il centro città.

Nel 2013 dovrebbe essere messa in vendita anche ai privati ad un prezzo orientativo di 12,500€. Non è certo un prezzo basso, ma la Hiriko porta con se tanti vantaggi che derivano dalla facilità di parcheggio al consumo ridottissimo; quest’ultimo aspetto ci può far capire come l’investimento possa essere ammortizzato in pochissimo tempo.

Vedremo se in un periodo di crisi come questo la Hiriko diverrà un best-seller nella vendita di autovetture e se questo progetto favorirà la diffusione di auto simili.

[galleryview id=43]

Mar 232012
 

Questa volta parliamo di un oggetto comunemente non classificato come tecnologico, ma sportivo, aggressivo, much expensive.  Honda, al Salone di Ginevra 2012 ha presentato il concept della nuova NSX. Perché parlare su educazionetecnica.com di una dream-car? Semplice, perché la NSX è un condensato di tecnologia e attenzione verso l’ambiente oltre ad essere una vera e propria superar. Infatti, NSX è la prima super sportiva ibrida, montando sotto il suo cofano un motore V6 aspirato VTEC, sistemato in posizione centrale abbinato a due motori elettrici che aumentano la potenza complessiva dell’auto permettendo di risparmiare carburante. La trazione è integrale basata su un sistema SH-AWD, acronimo di Super Hybrid All Wheel Drive, che consente di regolare la giusta quantità di potenza motrice ad ogni ruota per ottenere in qualsiasi situazione il massimo della trazione e delle prestazioni.

Mr. Takanobu, amministratore delegato di Honda, descrive il nuovo gioiello della casa giapponese ricordando il vecchi prototipo anni ’90 che aveva come obiettivo quello di mettere dietro la Ferrari 348. Oggi solo la velocità non è più sufficiente. L’attenzione e il rispetto dell’ambiente sono ormai parametri non più sorvolabili. Il concept presentato a Ginevra, infatti, pone la massima attenzione a questi aspetti. Un sistema a doppia frizione, consente la guida dell’auto in qualunque condizione, da super sportiva a guida più tranquilla. Anteriormente saranno montati due motori elettrici che, consentendo un notevole risparmio energetico e meno inquinamento, consentirà di spostare la coppia da una parte all’altra dell’asse anteriore per una guidabilità mai vista prima su di un’auto del genere.

Una lunghezza di 443cm e un’altezza di 126cm fanno della NSX un oggetto tecnologico del desiderio. Sarà realizzata in america e messa in vendita nel 2015; ancora ovviamente non si conoscono i costi (che sicuramente saranno a livello dell’autovettura). Vedremo come evolverà il progetto già affascinante di questa incredibile macchina. Per il momento godetevi di seguito il concept fotografico della vettura e il video di presentazione al salone di Ginevra della Honda NSX.

GUARDA I VIDEO:

PUOI LEGGERE ANCHE: